di Castellana Sicula

Sin dal sorgere (1700), Castellana ha onorato San Giuseppe, il santo più grande dopo Maria Santissima. L'ha onorato non solo con preghiere, con canti, candele e fiori, ma anche con un pranzo particolare, detto:
"I VIRGINIEDDI DÌ SAN GIUSEPPI", e "U MANGIARI DÌ SAN GIUSEPPI".

I virginieddi di San Giuseppi chiamati così perché per mangiare venivano invitati solo bambini poveri e giovani di ambo i sessi, (non sposati).
O manciari di San Giuseppi specie se veniva fatto a porte aperte, potevano invece andare tutti (ricchi e poveri, invitati o meno, sposati o no). I Virginieddi (fatti soprattutto in ringraziamento di qualche grazia ricevuta da Dio per intercessione di San Giuseppe o per sciogliere un voto), consisteva nell'antipasto ¼ di arancia, nel primo con pasta di casa detta "tagghiarini", condita con fagioli, lenticchie e finocchi. Come secondo baccalà e cardi fritti, perche ordinariamente i giorni di U manciari i San Giuseppi cadevano in tempo di quaresima e in esso c'era l'astinenza delle carni. Non mancava il tradizionale dolce fritto, detto "Sfincia", né il pane detto di San Giuseppi, spalmato di bianco d'uovo, ricoperto di semi di paperina, né il vino.

La tavola apparecchiata veniva benedetta dal sacerdote. Prima di iniziare si recitava 1 Pater - Ave e Gloria. Durante U manciari si lodava frequentemente il Santo, gridando: "Viva u patriarca San Giuseppi!". Alla fine si cantava "U tistamientu di San Giuseppi" e i Lodi a San Giuseppi. Il santo troneggiava abitualmente "vecchio" , da un grande quadro. San Giuseppe veniva raffigurato "vecchio" per insegnare al popolo poco istruito, (allora non c'era l'istruzione di oggi) che Gesù è stato concepito in Maria dallo spirito Santo e che lui non è il padre vero. Ammirevoli le brave donne che faticavano per preparare il mangiare a decine e a centinaia di persone.

Oggigiorno come allora si festeggiano sempre il 19 di marzo; quasi tutte le famiglie preparano il mangiare di San Giuseppe a casa, e spesso e volentieri viene offerto ai vicini.
Le confraternite di San Giuseppe, che sono 3 nel comune di Castellana Sicula (Castellana, Calcarelli e Nociazzi) dall'anno 2009 si riuniscono tutte insieme per dare vita ad un unica processione seguita dalla messa e dal manciari di San Giuseppi.

I Virginieddi e U Manciari di San Giuseppi